Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più!

2,373
Published on 4 Aprile 2016 by

“Sono incazzato nero e tutto questo non lo accetterò più!”, chi non ricorda questa memorabile frase del film “Quinto potere” del regista Sidney Lumet?

I più giovani probabilmente non lo avranno mai visto ma è certamente da considerarsi come uno dei capolavori della cinematografia.
Soffermandosi solo su questa frase/invettiva molti credono che questa sia una critica al potere mentre proprio il fatto che la gente si affacci e cominci a fare quello che il conduttore televisivo suggerisce è la dimostrazione di come i media, il quinto potere appunto, siano in grado di manipolare la nostra visione del mondo.

La realtà è che lo sfogo, l’incazzatura, ancorché umana e comprensibile, è quasi sempre fine a se stessa, non produce alcun vero cambiamento perché parte dal presupposto, quasi sempre errato, che i mali del mondo siano sempre e soltanto esterni a noi, che noi noi siamo una parte del problema.

La verità è che solo nel momento in cui noi decidiamo di cambiare noi stessi, e le nostre azioni evidenziano il frutto di tale cambiamento interiore, solo allora possiamo davvero sperare di incidere anche sulla società che ci circonda, migliorandola.

Che fare, dunque? A mio avviso il mondo e soprattutto il web è pieno di rivoluzionari da salotto, gli indivanados, come li ha definiti qualcuno, ovvero gli indignados che, standosene comodamente seduti sul divano di casa, profetizzano sventure e lanciano anatemi verso la società corrotta. Forse è il caso di alzarsi e fare una passeggiata, respirare aria fresca e schiarire le idee, comprendere dove vogliamo indirizzare la nostra vita e smettere di farci avvelenare dall’ambiente esterno. Ciò non vuol dire smettere di indignarsi ma farlo in maniera propositiva.

Peter Finch e Faye Dunaway hanno ottenuto l’Oscar nel 1977 con questo film.

Category

Add your comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.